LNWSI La New Wave Sono Io! 10-06-2017 Prima Parte

Reading Time: 2 minutes

Giovedì si è quasi sfiorato il miracolo in Inghilterra e non è detto che possa realizzarsi in tempi relativamente brevi, visto che Theresa May, dopo aver fatto saltare le teste di due suoi fidatissimi collaboratori, capri espiatori del fallimento nella campagna elettorale, sarà costretta ad un’alleanza con gli Unionisti del DUP, protestanti irlandesi, fondamentalisti religiosi non esattamente aperti al futuro. Il vero vincitore morale è dunque, Geremia il Rosso, quel Jeremy Corbyn definito da alcuni “lungimiranti” statisti nostrani come una catastrofe destinata a perdere. Mi verrebbe da ridere se non fosse che quei “geni” della politica, sono (appunto) roba nostra.

A fianco di Jeremy Corbyn, a sostegno della sua storica rimonta, si sono schierati moltissimi artisti, musicisti inglesi e non. La Prima Parte de LNWSI di questo sabato è dedicata ad alcuni di loro, una piccola parte di quanti si sono fatti fotografare con la scheda e l’intenzione di un voto per il Labour Party di Corbyn, non prima però di aver fatto seguire alla sigla d’inizio, “God Save The Queen” dei Sex Pistols che il 9 giugno del 1977, raggiungeva la posizione numero 2 nelle classifiche britanniche ma che, in ogni caso sembra proprio scritta per  l’acida Theresa.

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=R8fLOJswWtk&width=660&height=494&modestbranding=1[/embedyt]

 

Tra i primi a farsi vedere ai seggi Norman Cook aka FatBoy Slim, pronto poi per partire alla volta di Ibiza. Labour o Tories?
I exercised my constitutional right first thing this morning before leaving for Ibiza #UseYourVote #vote pic.twitter.com/VAo4tHum3H

Una voce che non poteva certo mancare a questo coro inglese, è quella di Shaun Ryder, voce, fondatore e leader di Happy Mondays e di Black Grape ed è proprio con questa sua ultima creatura che Shaun ha fatto sentire il suo graffiante messaggio.
Ha riformato il gruppo e dopo 20 anni, si è di nuovo presentato a noi con una album a dir poco spettacolare. Pop Voodoo è nella lista di prenotazione de LNWSI, intanto “Everything You Know Is Wrong” è diventato il mio tormentone dell’estate che vi propongo con grande piacere

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=h-83NBlJ7dc&width=660&height=371&modestbranding=1[/embedyt]

il fronte del Madchester è sembrato quanto mai compatto per questa tornata elettorale che doveva essere l’incoronazione di “Sua Maestà Teresa Maggio” per portare a compimento da una posizione di di forza assoluta, il mandato della Brexit , anche a seguito del tragico attentato al concerto di Ariana Grande. Sarà per la prossima volta, antipatica May, rilassati e goditi anche tu i Primal Scream!

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=JC77NtzW7U4&width=660&height=371&modestbranding=1[/embedyt]

Sempre da Manchester, un altro artista che ha dato il suo appoggio incondizionato a Jeremy Corbyn, tanto da promettersi nudo ai suoi fans. È Matthew “Matty” Healy, voce del gruppo The 1975 e che ha recentemente annunciato un suo progetto solista chiamato Drive Like I Do.

A chiudere la Prima Parte de LNWSI un altro grande artista inglese, forse al momento il numero uno, Rag’n’Bone Man con Skin preceduto però da una band americana che ogni volta riesce a far parlare di se, trova massima condivisione nei nostri appuntamenti del sabato sera su Radio Atlantide e Radio Città Fujiko 103.1 FM, gli Algiers.

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=lGZXzmM1smM&width=660&height=371&modestbranding=1[/embedyt]

 

Ascolta il podcast de LNWSI La New Wave Sono Io! Prima Parte 10-03-2017

[mixcloud width=100% height=120 hide_cover=1 light=1]https://www.mixcloud.com/Massimo_Siddi/lnwsi-la-new-wave-sono-io-10-06-2017-prima-parte/[/mixcloud]