Tutta colpa di David Bowie

Dunque ci siamo, pochi giorni ancora e quel disagio confessato a David Bowie, avrà la forma di un nuovo intero album: il nuovo album di LCD Soundsystem.

Da qualche giorno c’è una copertina, un date release fissato al 1 settembre, tutta la tracklist del nuovo ‘American Dream‘ e una lungo, lunghissimo elenco di date  tra Europa e Stati Uniti . È tornato James Murphy dopo 7 anni di quasi assenza con la sua ‘punk dance’, spezzata dalle anticipazioni dei due ‘Lato A‘, ‘Call The Police‘ e appunto ‘American Dream‘ che da il titolo a tutto il nuovo album.

 

Vi confesso che io come tanti, in questi anni mi sono sentito orfano di LCD Soundsystem tra i pochi, pochissimi gruppi a renderci meno duro il passaggio dagli anni 00  ai 10, senza tenere conto del lungo viaggio nel deserto degli anni ’80 solo qua e là illuminato dalle metamorfosi sonore di alcuni artisti nei ’90.  E forse è stato proprio Bowie ad accompagnarci e indicarci sempre la strada giusta da seguire quando avevamo dubbi o sentivamo crescere il nostro disagio.

Lo stesso è successo a James Murphy nel prendere la decisione di riformare il gruppo e tornare ad incidere un intero album. È stata proprio la vicinanza di David Bowie, con il quale ha  collaborato per ‘The Next Day‘ e ‘Blackstar‘, così come in ‘Reflektor‘ di Arcade Fire e il suo ‘consiglio a rifarlo’, a spingere Murphy. È tutta colpa di Bowie, allora e a sentire ‘american dream‘ (così come è scritto nella tracklist, in minuscolo) la presenza del maestro è così forte da farci pensare proprio ad una “rimanenza” di ‘Blackstar‘ o di un qualche altro vecchio album. Non è così, ovviamente ma la sensazione è forte, di essere di fronte ad un commosso omaggio al talento infinito di David Bowie.

 

 

E intanto che sgraniamo il nostro rosario ai giorni che mancano all’uscita di ‘America Dream‘, ripassiamoci la lezione, vogliamo toglierci di dosso tutta la polvere accumulata in poltrona. Si torna in pista, su Radio Atlantide siamo già pronti!

 

Una vita dedicata alla radio e al mondo dell’intrattenimento e spettacolo.
Esordisce giovanissimo nel 1977 in una piccola radio del bolognese (Radio Centrale International) per poi entrare a far parte di molte importanti radio locali bolognesi e non come Radio PlayStudio, Ciao Radio, Punto Radio Bologna, LatteMiele l’Italiana, Radio Malibù, MondoRadio Network, Radio Bologna Uno, Radio Città Fujiko 103.1.
È stato uno dei DJ del mitico Q.BO’ di Bologna, primo locale multimediale in Italia che ha preceduto e influenzato la scena “clubbing” degli anni ’90.
Da sempre alternativo al modo “classico” di proporsi in radio, affronta le sue trasmissioni sempre e solo in modo espressivo.
Chi lo ascolta in radio, sa che se un disco è nuovo, prima lo suona lui.

Fondatore di Radio Atlantide, autore e conduttore de LNWSI La New Wave Sono Io! in onda su Radio Atlantide e in FM su Radio Città Fujiko 103.1 di Bologna.

#LNWSI! La New Wave Sono Io, il Radio Blog di Massimo Siddi

Lady Gaga “omaggia” David Bowie

di Massimo Siddi

 

A scorrere i titoli dei maggiori giornali italiani è tutto un “omaggio perfetto”, “Spettacolare performance”, “Toccante tributo della popstar” e via così. La stampa mainstream italiana è tutta schierata adorante ai piedi di Lady Gaga.
Quello visto nella serata dei Grammy Awards 2016, è stato però un spettacolo penoso, al limite del ridicolo ma un un ottimo “Nazi-Pop”.
IL termine “Nazi-Pop” è stato coniato da Vanni Masala, giornalista e amico, grande esperto di musica e profondo conoscitore di “cose di spettacolo” ed è la geniale contrazione di “Nazional Popolare”, terminologia che porta immediatamente alle nostre menti, dolorosi ricordi che speravamo dimenticati. Lo show di Lady Gaga, li ha fatti riemergere tanto che mi aspettavo, da un momento all’altro, l’uscita di Pippo Baudo, Carlo Conti, i Pooh e Fedez con le sue frasi d’amore scritte in rima su bigliettini semi trasparenti.

Di David Bowie non c’è proprio nulla se non delle brutte versioni in stile karaoke delle sue canzoni. Heroes, poi  è da arresto e ritiro della patente musicale a vita non solo a Lady Gaga ma anche a Nile Rodgers che ha prodotto lo show e si è esibito con la chitarra al fianco della popstar  e che di Bowie produsse  certamente le cose di maggior vendita ma di minor qualità artistica. E per fortuna che non c’era Robert Fripp (il fautore di quella splendida intro di chitarre di Heroes), perché mi dicono sia un tipo particolarmente “incazzoso”. Non oso immaginare cosa sarebbe successo su quel palco col manico della chitarra di Rodgers.

Nel corso della giornata però, hanno cominciato ad arrivare anche opinioni meno influenzate dai lustrini della signora “Gaga” ( http://www.theguardian.com/music/2016/feb/16/lady-gaga-david-bowie-tribute-grammy-awards?CMP=twt_gu) e poi il tweet sarcastico del figlio di Bowie, quel Zowie diventato poi Ducan Jones, splendido regista dello spettacolare “Moon“, film di fantascienza interpretato da Sam Rockwell.
Ducan Jones riporta nel tweet la definizione del dizionario della parola “gaga” che significa “sovreccitata e irrazionale, tipico risultato di un’infatuazione o di un entusiasmo eccessivo; mentalmente confusa”, e chiude il post con la sua personale considerazione: “Dannazione! Che parola è questa?!”.

L’unica cosa appena passabile è il video iniziale, poi purtroppo inizia lo show sul palco. Si pensava al rischio carnevalata, Lady Gaga è riuscita in una vera e propria pagliacciata.

Pochi giorni dopo la morte di David Bowie, Tony Visconti rivolgendosi alle “star” della musica, invitandoli ad essere liberi, aveva detto: “Fatte quel cazzo che vi pare, non quello che pensate di dover fare”. Quello era l’insegnamento lasciato da Bowie ma Lady Gaga è un’alunna poco attenta. E’ brava ma non si applica.

Chiudo con una nota tecnica: la tastiera animata. Almeno St Vincent ha fatto una chitarra apposta per le donne, c’è lo spazio per le tette e non vi dico quanti punti le da anche come cantante, polistrumentista e compositrice. Altro pianeta

Una vita dedicata alla radio e al mondo dell’intrattenimento e spettacolo.
Esordisce giovanissimo nel 1977 in una piccola radio del bolognese (Radio Centrale International) per poi entrare a far parte di molte importanti radio locali bolognesi e non come Radio PlayStudio, Ciao Radio, Punto Radio Bologna, LatteMiele l’Italiana, Radio Malibù, MondoRadio Network, Radio Bologna Uno, Radio Città Fujiko 103.1.
È stato uno dei DJ del mitico Q.BO’ di Bologna, primo locale multimediale in Italia che ha preceduto e influenzato la scena “clubbing” degli anni ’90.
Da sempre alternativo al modo “classico” di proporsi in radio, affronta le sue trasmissioni sempre e solo in modo espressivo.
Chi lo ascolta in radio, sa che se un disco è nuovo, prima lo suona lui.

Fondatore di Radio Atlantide, autore e conduttore de LNWSI La New Wave Sono Io! in onda su Radio Atlantide e in FM su Radio Città Fujiko 103.1 di Bologna.